user.id >  password >
Cosa sono gli ETF

Cosa sono gli ETF


  • Gli Exchange-Traded Funds, più spesso conosciuti con il loro acronimo ETF, sono una particolare categoria di fondi d'investimento mobiliari aperti a gestione passiva, che mirano a replicare un determinato indice di mercato: sia esso azionario, obbligazionario, geografico o settoriale. Gli Etf sono nati una decina di anni fa negli Stati Uniti e si sono poi diffusi in Canada e nel continente asiatico per raggiungere nel 2000 l'Europa. Attualmente a livello mondiale, se ne contano circa 300 e il loro numero è destinato ad aumentare. Nonostante la crescita notevole, l'Europa è ancora molto lontana da quella registrata finora sul mercato statunitense

    Gli ETF hanno fatto il loro ingresso sul mercato italiano nel 2002, e dopo una partenza piuttosto lenta stanno registrando uno sviluppo molto rapido. L'esperienza italiana ha dimostrato, come alcuni strumenti e/o prodotti finanziari, hanno avuto un enorme successo, ma solo dopo che gli stessi avevano già raggiunto un'ampia popolarità in altri paesi: i fondi d' investimento ne sono stati un esempio. La crescente informazione sulle caratteristiche dello strumento e dei relativi benefici che l'investitore può trarne dal suo utilizzo, farà senz'altra proseguire la crescita a ritmi sempre più incessanti

    Gli ETF sono sostanzialmente dei fondi di investimento le cui azioni possono essere direttamente acquistate e vendute sul mercato azionario, avendo caratteristiche e proprietà molto simili alle azioni. Come qualsiasi azione, infatti, è possibile in ogni momento della seduta di borsa, comprare o vendere ETF al prezzo corrente di mercato. Le azioni che li costituiscono hanno la stessa distribuzione e lo stesso peso di quelle dell'indice di riferimento, di conseguenza l'investitore può conoscere la precisa composizione del portafoglio acquisto e del suo esatto valore in qualsiasi momento della giornata, grazie alla loro quotazione in tempo reale.

    A differenza di un fondo comune di investimento, l'ETF è in grado di offrire un alto livello di trasparenza e di flessibilità, in quanto permette di monitorare costantemente l'andamento del proprio investimento. Al contrario, la valorizzazione delle quote di un fondo comune avviene soltanto a fine seduta e, spesso, la sua comunicazione agli organi di stampa e, quindi, agli investitori privati, avviene solo dopo due giorni lavorativi. La possibilità di poter operare in modo diretto sul mercato permette, inoltre, di ridurre al minimo i tempi morti intercorrenti tra la decisione di investimento e l'effettiva realizzazione della stessa, evitando così di perdere interessanti opportunità di profitto, per mancanza di timing.

    Come i normali fondi comuni di investimento, gli ETF consentono, con un' unica transazione, di detenere un portafoglio molto ben diversificato. Lo stesso risultato sarebbe, invece, molto più difficile da perseguire da un normale investitore privato che investisse direttamente in titoli azionari, sia a causa dei costi di transazione, sia per il tempo che sarebbe necessario dedicare ad un investimento di questo tipo. La peculiarità degli Exchange Traded Fund consiste, quindi, nel racchiudere, in un unico strumento finanziario, la trasparenza e la flessibilità di un titolo azionario, unite all'elevata diversificazione ottenibile attraverso un investimento in un fondo comune

    Ulteriore peculiarità degli ETF è l'indicizzazione ovvero l'obiettivo di replicare nel modo più accurato possibile un indice di mercato e non di offrire un rendimento superiore rispetto al benchmark di riferimento. Si raggiunge questo obiettivo semplicemente detenendo le stesse azioni che fanno parte dell'indice di riferimento. Per fare un esempio, acquistando un ETF sull'indice S&P/Mib 40 è come se si detenesse implicitamente un portafoglio costituito da tutti i 40 titoli più importanti quotati in Italia.

    L'assenza del gestore nella scelta dei titoli che compongono il paniere di riferimento, rende questi strumenti particolarmente convenienti dal lato dei costi; infatti essi non prevedono commissioni d'ingresso, d'uscita o di overperformance, ma hanno delle commissioni annue di gestione molto contenute, che variano dallo 0,10 allo 0,99 per cento a cui vanno aggiunti i costi di negoziazione applicati da ogni singolo intermediario. A fronte dei titoli azionari detenuti in portafoglio, gli ETF possono distribuire agli investitori i dividendi relativi, nonché i proventi che derivano dal loro investimento e quelli riguardanti il prestito di titoli rappresentativi dell'indice di riferimento. A questi, si devono aggiungere anche gli interessi che gli ETF a reddito fisso corrispondono periodicamente ai loro detentori a fronte degli investimenti in obbligazioni.

    Gli exchange traded funds possono trovare impiego all'interno delle gestioni di fondi e di singoli patrimoni, oltre che in strategie di asset allocation e di bilanciamento di portafogli, rivelandosi così un ottimo strumento di diversificazione degli investimenti, permettendo al tempo stesso di ridurre il rischio relativo. L'investitore può acquistarli per fare del trading sfruttando così il movimento dello stesso indice durante quelle sedute particolarmente volatili, oppure in operazioni d'arbitraggio. Inoltre, se abilitato dal proprio intermediario, l'investitore può anche venderli allo scoperto, prendendo in tal modo una posizione ribassista sul mercato - anche per più giorni consecutivi - lucrando così su una possibile discesa delle quotazioni.

    Gli ETF aprono un nuovo mondo di opportunità di investimento che fino a solo pochi anni fa erano precluse agli investitori individuali. Consentono all'investitore privato di raggiungere una maggiore indipendenza ed una maggiore consapevolezza nelle proprie scelte di investimento. Questo perché sono prodotti molto semplici, sia nel loro funzionamento sia nel loro utilizzo e, quindi, facilmente gestibili in modo autonomo da qualsiasi investitore che abbia a cuore la gestione dei propri risparmi. Da un punto di vista pratico acquistare un ETF è assolutamente identico ad acquistare un titolo azionario. Quello che cambia è ciò che si trova dentro un ETF.

 

 

Iscriviti a SOS-Trader Magazine,per ricevere gratuitamente ogni settimana nella tua casella di posta elettronica un abstract dei report.

 


SOS-Trader Srl - P.Iva : 07941730637 | Chi Siamo | Contatti | Dicono di noi | Pubblicitá | Cookies

SOS-Trader Network : MaiDireBorsa | TeoCollector | L'Odore dei Soldi | TradingMania | Designed and powered by ErpItaly

 

Iscriviti al mio canale YouTube
Phone

Per info e prove gratuite:
Customer Care : 081.780.35.98
Lunedí - Venerdí
h. 09.30 | 18.00